Sign in / Join
8077920518_6d999ebe68_z

Il decreto legge 1/2012 e le imprese agroalimentari

Il Decreto Legge 1/2012 (cd. Decreto Legge sulle Liberalizzazioni) contiene una disposizione (l’art. 62) di profondo interesse per le imprese agroalimentari.

Il primo comma prevede espressamente il requisito della forma scritta per i contratti che hanno ad oggetto la cessione dei prodotti agricoli e alimentari, nonché l’obbligo di indicazione, a pena di nullità, della durata, quantità e caratteristiche del prodotto venduto, del prezzo, delle modalità di consegna e di pagamento, la cui violazione comporta le sanzioni amministrative di cui al comma 5 (da € 516 a € 20.000)

Detta disposizione, tuttavia, si applica unitamente ai rapporti tra imprese, restando, infatti espressamente esclusi i contratti conclusi con il consumatore finale.

Il secondo comma concerne alcune disposizioni protettive per le PMI agroalimentari quali, a titolo esemplificativo, il divieto di imporre condizioni ingiustificatamente gravose ovvero di subordinare la conclusione e/o l’esecuzione dei contratti alla esecuzione di prestazioni prive di connessione con l’oggetto del contratto, la cui violazione  è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 516 a € 3.000.

Importante, inoltre, è la previsione del comma tre che prevede il termine legale di 30 giorni per il pagamento del corrispettivo (nel caso di merci deteriorabili di cui al successivo comma 4) e il termine di 60 (nel caso di merci non deteriorabili).

Detto termine decorre dalla consegna o dal ritiro dei prodotti medesimi o delle relative fatture.

Sempre il comma tre, prevede l’automatico decorso degli interessi dal giorno successivo alla scadenza del termine legale.

In tal caso il saggio degli interessi è maggiorato di ulteriori due punti percentuali ed è inderogabile.

Si tratta, come è ovvio, di una disciplina del tutto analoga a quella (poco conosciuta) contenuta nel D.lgs 9 ottobre 2002 n. 231 che ha dato attuazione alla Direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, ove sono, per l’appunto, previsti interessi maggiorati nei rapporti tra imprese.

Inoltre, il comma 7 stabilisce che il mancato rispetto, da parte del debitore, dei termini di pagamento stabiliti al comma 3 è punito con sanzione amministrativa pecuniaria da € 500 euro a € 500.000.

Si precisa poi che l'entità effettiva della sanzione verrà determinata in ragione del fatturato dell'azienda, della ricorrenza e della misura dei ritardi.

This post is also available in: Inglese

Roberto Alma

Leave a reply


*

Se hai bisogno di consulenza contatta un professionista di IusInAction
Contattaci

Utilizziamo cookie, anche analitici e di profilazione di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy. Clicca qui per regolare le preferenze in materia di cookie Impostazioni Cookie